• fahbro

Thanks Vaughn

Aggiornato il: apr 6

ENG Version:


In a world that is always in a hurry, where everyone is used to want everything at once, which commodifies people and makes us slaves of our desires, in a world so fast that everything lasts a few moments, a tweet, some likes, a few seconds of an instagram story or a few days at the top of the charts, in a world made of appearance, vanity, trends and clichés, there is always someone who lives slow, who stops, thinks, reflects and acts by conscience. By now, more than 10 years have passed since I first heard the voices of Vaughn Benjamin, Dezarie and Midnite. At the time I was a kid, attracted from reggae music, from the Jamaican culture and from the myth of Marley, who still couldn't find a personal direction. I was groping around the actual trends of the lowest and dirty dancehall, the dichotomic rap of Tupac, conscious and gangsta, the reggae conscious of Junior Delgado, The Wailers, Burning Spear and Peter Tosh, Augustus Pablo and Alpha Blondie, but especially Bob Marley and his son Damian.

I began to get into Patois and to cling on understanding the slang and the flow of the Rap and to translate the lyrics of the music I loved. Marley's awareness, Peter Tosh's vision, Tupac's militancy, along with music and reading, have contributed to the search for connections between politics, society and spirituality and my ID (ego).

In the same way, pacifism of Nelson Mandela's reflections, Garvey's hope of the Afrocentrism, the spirituality of the messages of Haile Selassie I, the meditations inspired by the Dalai Lama, the non-violence of Gandhi and Martin Luther King, the verbal aggressiveness of Malcolm X, the provocations of the Black Panthers of Huey Newton, the no Global writings of Naomi Klein and Noam Chomski.

Listed in this way, it looks like a hodgepodge of everything and nothing, but everything for me starts from the 7 musical notes. Yes, with the awareness of an adult more than 30 years old and a family man, I can say that music has been the instrument of cultural formation that I now carry as a baggage, a socio-political-economic-spiritual culture.

Here is spirituality, the awareness of the connection between souls, between individuals and all of creation. I felt that those notes, those melodies, those voices of the music I listened to spoke directly to my soul, to my spirit.

Bob Marley symbolized resistance and revenge against an unfair, unequal and extremely oppressive system against the weakest.

He went with most of my adolescence and still goes with my daily life. His ideas, his words, his interviews were inspiration, involvement and research. But when I heard Vaughn, Dezarie, I Midnite, everything changed again.

Dezarie with his disarming purity, his voice of Mama, his vibrant high notes that shakes the soul, touch the strings of the heart; the Midnite with their sound roots, simple, also due to the rough recording in the studio, the conceited and repetitive bass that drags you into the meditation of the song, the drums with the fill that reminds the tribal sounds of Africa. They, and only they, have this ability to touch you with music.

And then there is Vaughn with his leadership, he has the ability to capture your attention from the first listening, I use the present because his voice is and will be immortal. For me Bob and Vaughn were two exponents of Reggae and Rastafari culture, perhaps two of the greatest. In a different way surely, with different methods and languages, but both affect mind, body and spirit. Bob spoke in a more direct, explicit, tough way, his message of rebellion and spirituality wanted and had to reach everyone, intense, high-sounding, as a direct slap, regardless of who the interviewer, listener, or interlocutor was.


I absolutely don't want to make a comparison, but just show what my perception of Vaughn's music is. Vaughn was different in music, in language, in message. His moving, elegant, scratchy and deep voice; that writing anything but simple, super stuck, rich in slang, elision and truncated words, cryptic, that lead the listener to ask himself the meaning and therefore to search it.

The search for that hidden, secret, ancestral, intense, radical message that speaks to the spirit; an understanding of his vision of society, the soul, the family and faith in Rastafari. Vaughn sang to express himself, communicate his vision, raise consciences and stimulate awareness; he wanted to bring people to reflection towards change, a more spiritual and less materialistic approach.

He has never paid attention to charts, prizes, record successes, economic goals or fame, but through his music, his messages, his dreaming and living a different life, far from the western-centric canons, he has attracted the attention of everyone, fans and promoters, militants and reggae lovers. He has succeeded in treading large stages of the most important festivals on earth without compromising, just being himself and carrying his music around. Vaughn was for me a righteous person who manifested his integrity through his music, through that sound that fascinated everyone.

Vaughn sang on spirit, on daily life, on real life; in his music I, like other millions, saw myself again. His music has gone with many sad and happy moments, memories of difficulties and joy; it helped me to look deep into my ID (ego), to discover my weaknesses and to discover a spirituality in everyday real life, to analyze and understand myself before myself and the world.

And this letter really wants to be a tribute, a thank you, a celebration of a person, an artist, a soul, that has influenced my life, encouraging me to improve myself His death has left everyone speechless, shaken; Vaughn certainly had so much to say, to teach, and to preach. Yes, because, without any idolatry, we can say that he was a bit of a preacher, a prophet, just like Bob; and maybe he was one of the last musician of our beloved reggae music.

And please don't just call it music.


F.

#fahBlog

__________


ITA Version:


In un mondo sempre di corsa, in cui tutti sono abituati a volere tutto e subito, che mercifica le persone e ci rende schiavi dei nostri desideri, in un mondo talmente veloce in cui tutto dura pochi attimi, un tweet, qualche like, qualche secondo di una storia instagram o qualche giorno in vetta alle classifiche, in un mondo fatto di apparenza, vanità, trends e luoghi comuni, c'è sempre qualcuno che invece vive slow, che si ferma, pensa, riflette ed agisce per coscienza. Oramai sono passati più di 10 anni da quando ho ascoltato per la prima volta la voce di Vaughn Benjamin, di Dezarie e dei Midnite.


Al tempo ero un ragazzino, preso della musica reggae, dalla cultura jamaicana e dal mito di Marley, che ancora non riusciva a trovare una direzione personale. Brancolavo tra i trends del momento della dancehall più bassa e sporca al rap dicotomico di Tupac, tra conscious e gangsta, ed il reggae conscious di Junior Delgado, dei The Wailers, di Burning Spear e di Peter Tosh, di Augustus Pablo e Alpha Blondie, ma soprattuto di Bob Marley ed il figlio Damian. Iniziavo ad appassionarmi al Patois e ad intestardirmi nel comprendere lo slang ed il flow del Rap e a tradurre i testi della musica che amavo. La consapevolezza di Marley, la visione di Peter Tosh, la militanza di Tupac, insieme alla musica e alla lettura, hanno contribuito alla spinta di ricerca delle connessioni tra politica, società e spiritualità e del mio IO. Allo stesso modo mi hanno aiutato anche pacifismo delle riflessioni di Nelson Mandela, la speranza dell'afrocentrismo di Garvey, la spiritualità dei messaggi di Haile Selassie I, le meditazioni ispirate dal Dalai Lama, la non-violenza di Gandhi e Martin Luther King, l'aggressività verbale di Malcolm X, le provocazioni delle Pantere Nere di Huey Newton, gli scritti no Global di Naomi Klein e di Noam Chomski. Elencato cosi sembra un calderone di tutto e nulla, ma tutto per me parte dalle 7 note musicali. Sì, con la consapevolezza di un adulto più che 30enne e padre di famiglia, posso affermare che la musica è stata lo strumento di formazione culturale che ora mi porto come bagaglio, una cultura socio-politico-economica-sprituale.

Ecco la spiritualità, la presa di consapevolezza della connessione tra anime, tra i singoli e tutto il creato. Quelle note, quelle melodie, quelle voci della musica che ascoltavo, sentivo che parlavano dirette alla mia anima, al mio spirito. Bob Marley ha simboleggiato la resistenza e la rivalsa nei confronti di un sistema iniquo, ingiusto e quanto mai opprimente nei confronti del più debole. Ha accompagnato gran parte della mia adolescenza ed accompagna tutt'ora la mia quotidianità. I suoi spunti, le sue parole, le sue interviste sono stati ispirazione, coinvolgimento e ricerca. Però quando ho ascoltato Vaughn, Dezarie, I Midnite, lì tutto è cambiato di nuovo. Dezarie con la sua purezza disarmante, la sua voce di Mama, i suoi acuti vibranti che scuotono l'anima, riesce a toccare le corde del cuore; i Midnite con il loro sound roots, semplice, dovuto anche alle registrazione rough in studio, il basso petulante e ripetitivo che ti trascina nella meditazione del brano, la batteria con i fill che ricordano i suoni tribali dell'Africa. Loro, e solo loro, hanno questa capacità di toccarti con la musica.

E poi c'è Vaughn con la sua leadership, ha la capacità di catturare la tua attenzione sin dal primo ascolto, uso il presente perchè la sua voce è e sarà immortale, Per me Bob e Vaughn sono stati due esponenti del Reggae e della cultura Rastafari, forse due dei più grandi. In maniera diversa sicuramente, con metodi e linguaggi diversi, ma tutti e due colpiscono mente, corpo e spirito. Bob parlava in maniera più diretta, esplicita, tough, il suo messaggio di ribellione e di spiritualità voleva e doveva arrivare a tutti, forte, sonoro, come uno schiaffo diretto, a prescindere da chi fosse l'intervistatore, l'ascoltatore, o l'interlocutore.

Non voglio assolutamente fare un paragone, ma solo mostrare quella che è la mia percezione della musica di Vaughn. Vaughn era diverso nella musica, nel linguaggio, nel messaggio. La sua voce struggente, elegante, graffiante e profonda; quella scrittura tutt'altro che semplice, super incastrata, ricca di slang, di elisioni e parole troncate, criptica, che spinge l'ascoltatore a domandarsi il significato e quindi alla ricerca.

La ricerca di quel suo messaggio nascosto, recondito, ancestrale, intenso, radicale, che parla allo spirito; la comprensione della sua visione della società, dell'anima, della famiglia e della fede in Rastafari. Vaughn cantava per esprimersi, comunicare la sua visione, elevare le coscienze e stimolare la consapevolezza; voleva portare le persone alla riflessione verso un cambiamento, un approccio più spirituale e meno materialistico. Non ha mai badato a classifiche, a premi, a successi discografici, a finalità economiche o alla fama, eppure proprio attraverso la sua musica, i suoi messaggi, il suo sognare e vivere una vita diversa, lontano dai canoni occidentalo-centrici, ha attirato l'attenzione di tutti, fans e promoter, militanti e reggae lovers.

E' riuscito a calcare grandi palchi dei festival più importanti della terra senza scendere a compromessi, solo essendo se stesso e portando in giro la sua musica. Vaughn era per me, una persona integra che manifestava questa sua integrità attraverso la sua musica, attraverso quel suono che ha affascinato tutti. Vaughn cantava di spirito, di vita quotidiana ,di vita reale; nella sua musica io, come altri milioni, mi ci sono rivisto.

La sua musica ha accompagnato tanti momenti tristi e felice, ricordi di difficoltà e gioia; mi ha aiutato a cercare nel profondo del mio IO, a scoprire le mie debolezze e a scoprire una spiritualità nella vita reale quotidiana, ad analizzarmi e denudarmi di fronte a me stesso ed al mondo.

E questa lettere vuole essere proprio un tributo, un ringraziamento, una celebrazione di una persona, di un artista, di un anima, che ha influenzato la mia vita, spingendomi a migliorare.

La sua scomparsa ha lasciato tutti interdetti, scossi; Vaughn, aveva sicuramente tanto ancora da dire, da insegnare, e da predicare.


Si perchè, senza nessuna idolatria, possiamo dire che lui era un pò un predicatore, un profeta, proprio come Bob; e forse è stato uno degli ultimi della nostra amata musica reggae. E per favore, non chiamatela solo musica.

F.

#fahBlog

0 visualizzazioni
 

©2019 di fahbro.com.